Patologie del nervo facciale  Vertigini

Nevralgia del trigemino e altri nervi cranici 

Malattia di Meniere

Torna al homepage>>>

 

Patologie dell'orecchio
Vertigini

- Vertigini

- L'Equilibrio

- Tipi di vertigine

- Sintomi

- Diagnosi della causa della vertigine

- Problemi circolatori


VERTIGINI

La vertigine è un sintomo, non una malattia. Può essere definita come una sensazione di instabilità, un disorientamento in relazione alle cose che ci circondano. La sintomatologia vertiginosa può variare da una leggera sensazione di instabilità sino ad una grave e severa sensazione di capogiro. 

L'EQUILIBRIO

L'equilibrio è il prodotto di un’interazione e coordinazione nel cervello di impulsi nervosi che provengono dall'orecchio interno, dagli occhi, dai muscoli del collo, e dai muscoli delle articolazioni degli arti. Un disturbo in una qualunque di queste parti può dare origine ad una sensazione soggettiva di vertigine o di instabilità. Disturbi di ordine generale delle varie funzioni del corpo possono dare vertigine poiché interferiscono nella coordinazione degli impulsi che arrivano al cervello. Il cervello reagendo ad impulsi anormali o incoordinati, può rispondere in modo che l'individuo abbia una falsa sensazione di movimento. L'influenza del cervello sulle ghiandole del nostro corpo, e sui muscoli, può dare origine a sudorazione fredda, sudorazione, accompagnata da nausea e vomito.

TIPI DI VERTIGINE

La sensazione di instabilità o disorientamento in relazione alle cose che ci circondano può essere causata da disturbi dell'orecchio, del collo, dei muscoli e delle articolazioni, degli occhi, delle connessioni nervose di queste strutture, o da una combinazione di questi disturbi. 

La vertigine di origine otologica
La vertigine otologica deriva da alterazioni della circolazione o della pressione dei liquidi che si trovano nell'orecchio interno, o da una diretta pressione di una massa neoformata sul nervo dell'equilibrio. L'orecchio interno è composto da due porzioni: una finalizzata all'udito (coclea) ed l’altra all'equilibrio (vestibolo e canali semicircolari). Coclea, vestibolo, e canali semicircolari, sono cavità ossee che contengono liquidi che bagnano delicate strutture nervose in esse contenute. I nervi deputati alla trasmissioni degli impulsi provenienti dall’orecchio interno decorrono, insieme al nervo facciale, in un piccolo canale osseo (condotto uditivo interno), attraverso il quale tali nervi raggiungono gli spazi endocranici, e quindi il tronco cerebrale. . Qualunque alterazione della pressione, della consistenza, o della circolazione dei liquidi dell'orecchio interno può provocare una vertigine acuta, cronica, o ricorrente, con o senza sordità o sensazione soggettiva di rumori nell'orecchio (acufeni). 

Allo stesso modo qualunque disturbo della circolazione sanguigna in tale zona può provocare sintomi simili. La vertigine può anche essere prodotta da una iperstimolazione dei liquidi dell'orecchio interno così come avviene quando si gira velocemente su sé stessi e ci si ferma all'improvviso. Qualunque causa che interessi la funzionalità dell'orecchio interno, o delle sue connessioni centrali, può causare vertigine, sordità, ed acufeni. Tali sintomi si possono presentare singolarmente o combinati. La vertigine otologica può presentarsi come una sensazione di instabilità, di capogiro soggettivo, o di rotazione oggettiva, e nei casi più gravi con sensazione di caduta a terra. Può essere costante e continua, ma più spesso è intermittente, ed è frequentemente accentuata dai movimenti del corpo o dagli improvvisi cambiamenti di posizione. 

La vertigine può essere accompagnata da nausea e vomito ma non si ha mai perdita della coscienza come conseguenza della vertigine otologica. 

Vertigine centrale 
La vertigine centrale è un disturbo dell'equilibrio che deriva dal fatto che il cervello non riesce a coordinare ed interpretare correttamente gli impulsi nervosi che riceve. Un esempio di ciò è la "sensazione di navigare", o la instabilità che può talvolta accompagnare gli stress emotivi, gli stati di tensione, e l’assunzione di un’eccessiva quantità di alcool. L'insufficenza circolatoria, la disfunzione metabolica o allergica, i tumori o i traumi, possono produrre questo tipo di instabilità con o senza disturbi dell'equilibrio. Una sensazione di pressione o di pienezza, in entrambe le orecchie, è comune. 

Vertigine cervicale (collo)
La vertigine cervicale deriva da impulsi anormali o incoordinati, che vengono inviati al cervello dai muscoli del collo. I muscoli del collo inviano costantemente impulsi ai centri dell'equilibrio del cervello che concorrono al mantenimento dell'equilibrio. Gli spasmi dei muscoli possono causare scariche nervose muscolari anormali, che possono appunto causare instabilità o vertigine. Questo spasmo può essere causato da un trauma, da artrosi, o da abnorme pressione sui nervi del collo.

Vertigine da muscoli e articolazioni 
La vertigine legata a disturbi che interessino muscoli e articolazioni è relativamente poco comune. Qualunque disturbo della sensibilità che deriva dai muscoli e dalle articolazioni degli arti come per esempio nelle distrofie muscolari produce questo tipo di instabilità. 

Vertigine visiva 
I disturbi dei muscoli oculari o difetti di rifrazione possono causare instabilità. Un esempio di tale tipo di disturbo è quello che un individuo può avere durante la marcia se porta occhiali che appartengono ad un'altra persona. Un'altro esempio di instabilità visiva è quella sensazione che si può avere occasionalmente quando, seduti nella propria vettura, si guardano gli oggetti che passano all’esterno dell’auto. Gli occhi rispondono inviando al cervello una rapida serie di impulsi, che indicano che il corpo è in movimento rotatorio. D'altra parte, le orecchie ed il sistema di muscoli-articolazioni, inviano al cervello impulsi che indicano che il corpo non è in movimento rotatorio ma solo in movimento in avanti. Il cervello, nel ricevere tali informazioni confuse (dagli occhi che indicano movimento, dalle orecchie e dal sistema muscoli-articolazioni che indicano il contrario) invia allo stesso modo, ai vari muscoli e ghiandole, ordini confusi che possono causare sudorazione, nausea, e vomito. In tale situazione quando un individuo è seduto nel sedile di fronte e guarda in avanti, gli occhi, le orecchie, e il sistema muscoli -articolazioni, lavorano in modo più uniforme, e la possibilità di avere la sensazione di mal d'auto è minore. Un disturbo visivo può essere causato da vertigini di altra origine. La incapacità intermittente di focalizzare, la difficoltà nella lettura, intermittente sensazione di appannamento visivo, possono derivare da piccoli movimenti riflessi dagli occhi (scosse).

DIAGNOSI DELLA CAUSA DELLA VERTIGINE

La vertigine può essere causata da qualunque disturbo a carico dell'orecchio interno, del nervo dell'equilibrio, o delle sue connessioni centrali. Può essere causata da disturbi della circolazione, dalla pressione dei liquidi dell'orecchio interno, del metabolismo, da infezioni, neuriti, medicine, traumi, o dalla presenza di una neoplasia. E' necessario talvolta eseguire un attento esame per valutare la causa della vertigine. Gli esami necessari vengono scelti al momento della visita, e possono comprendere un dettagliato esame audiometrico e vestibolare, radiografie, TAC e RMN cerebrale con contrasto, TAC ad alta risoluzione delle rocche petrose, esami del sangue, del metabolismo, e test allergometrici. Può talvolta essere necessario una visita medica generale ed una visita neurologica. Lo scopo di tale attenta valutazione è di essere certi che non è presente alcuna malattia grave o pericolosa per la vita, e di diagnosticare l'esatta sede del problema. Tutti questi esami ci danno l'indicazione per un trattamento medico o chirurgico. 

PROBLEMI CIRCOLATORI

Qualsiasi interferenza con la circolazione delle delicate strutture dell'orecchio interno o delle loro connessioni centrali può provocare una vertigine, e talvolta anche sordità ed acufeni (sensazione soggettiva di rumore nell’orecchio). Queste modificazioni della circolazione possono essere il risultato di uno spasmo dei vasi, di una loro parziale o totale occlusione, o rottura con emorragia. 
· a) Spasmo: La vertigine periferica (dell'orecchio interno) causata da uno spasmo dei vasi sanguigni, si presenta in genere all'improvviso, ed è di tipo intermittente. Le cause che possono dare tale vertigine sono la fatica intellettuale e gli stress emotivi. Alcune droghe come ad esempio la caffeina (caffè e thè) e la nicotina (sigarette) possono provocare uno spasmo vascolare e dovrebbero quindi essere ridotte ed evitate. 

· b) Stenosi: Con l'età i vasi sanguigni diventano più spessi e più duri e ciò è dovuto ad un processo di invecchiamento conosciuto come arteriosclerosi. Tale inspessimento può causare una parziale occlusione, con una progressiva e graduale diminuzione del flusso di sangue che arriva alle strutture dell'orecchio interno. I meccanismi dell'equilibrio in genere riescono a superare tali problemi adattandosi, talvolta però si può avere una instabilità persistente. Tutto ciò può peggiorare per gli improvvisi cambiamenti di posizione come avviene quando ci si alza dal letto e si gira la testa improvvisamente. Una completa occlusione dei vasi dell'orecchio interno (trombosi), produce una vertigine acuta spesso accompagnata da vomito e nausea. I sintomi possono continuare per alcuni giorni, con una graduale diminuzione delle vertigini in un periodo che varia da alcune settimane ad alcuni mesi, quando cioè l'orecchio controlaterale sostituisce le funzioni dell'orecchio malato. 
 
· e) Emorragia: Raramente uno dei piccoli vasi dell'apparato dell'equilibrio si può rompere. Ciò può avvenire spontaneamente, per una ragione sconosciuta, o può essere la conseguenza della ipertensione, o di un trauma cranico. I sintomi sono sovrapponibili a quelli conseguenza di una stenosi del vaso. 

Trattamento
Il trattamento della vertigine dovuta a disturbi della circolazione consiste in una terapia medica a base di anti-vertiginosi, di preparati che migliorano la circolazione (vasodilatatori), e sedativi. Un individuo con tale tipo di vertigine dovrebbe evitare le droghe che danno vasocostrizione vascolare come la caffeina (caffè , thè) e la nicotina (sigarette). Gli stress emotivi, l'insonnia, e la eccessiva fatica fisica o intellettuale, dovrebbero essere evitati il più possibile.

 


Homepage

 
Successivo>>>
Gruppo Otologico - Vertigini, Poliposi Nasale, Tumori Parotide, Colesteatoma, Otosclerosi, Otite Cronoca, Malattia di Meniere, Paralisi Nervo Facciale, Tumore Glomico, Ipertrofia Turbinati, Otosclerosi, Stapedotomia, Stapedectomia, Carcinoma, Tumori glomici, Chemodectomi, Colesteatoma, Meningioma, Meningiomi, Nervo facciale, Nervo acustico, Otologic, Gola, Laringe, Tumori endocranici, Paralisi traumatiche, Otite, Timpanoplastica, Neurinoma dell'acustico, Nervo acustico, Nervo cocleare, Nervo vestibolare, Naso, Seni paranasali, Ronflement, Apnea del sonno, Roncopatia cronica, Otosclerosi, Timpanosclerosi, Granuloma colesterinico, Epostosi, Stenosi, Atresia auris, Impianti cocleari, Osso temporale, Chemodectomi, gruppo otologico, protesi acustiche, Sanna, Dottor Sanna, medicina, otorinolaringoiatria, patologie, malattie, sordità, Colesteatoma, Miringoplastica, Ipoacusia, Otite cronica, Poliposi, Fess